Prepararsi per le elezioni.

Forse siete come me, uno di quelli che non sopportano i rappresentanti politici che, in campagna elettorale, usano i verbi al futuro… faremo, approveremo, modificheremo, aboliremo. Forse –  ma forse – per i neofiti… ma sentire i vecchi marpioni tentare di sedurre con sudenti promesse… mi irrita. Allora vi propongo un giochino… esaminiamo i programmi. Eh, che ne dite? No, non quelli per le elezioni 2018… troppo facile… vediamo i programmi per le elezioni del 2001… vediamo, di tuttte quelle promesse, cosa è stato fatto. Li ho conservati per 17 anni… fatene buon uso.

 

Polo delle Libertà

Ulivo

strade_autostrade Ulivo_01
risorse_idriche Ulivo_02
riassetto_idrogeologico Ulivo_03
porti_aereoporti Ulivo_04
metropolitane
ferrovie
missioni-strategie-agenda
indice-lettera-pilastri

per la cronaca (o la storia?) le elezioni del 2001 furono vinte dal centrodestra di Berluconi con il 49,56% alla Camera ed il 42, 53% al Senato. Affluenza a 81,35%

Ah, per rimsnere in tema… e se avete accesso ad Amazon Prime video, non perdetevi “Il Candidato

Annunci

Semplificazione amministrativa

È quella a cui avrebbero fatto ricorso i titolari della “N.C.A. cooperativa sociale onlus”, che aveva in concessione del “Nuovo Cinema Aquila” a Roma. Il Comune di Roma revoca il bando…

…per via di una gestione «inadeguata e irregolare»

e faticosamente procede ad un nuovo bando che viene aggiudicato alla “Cinema Mundi onlus”. Bene. Quasi. Perché il consigliere comunale Orlando Corsetti rileva che…

…la società che ora può prendere in mano la gestione della sala del Pigneto, «risulta avere la stessa Partita Iva, lo stesso amministratore unico, lo stesso codice fiscale, la stessa data di costituzione, la stessa data di iscrizione al registro delle imprese, della vecchia società che l’ex sindaco Ignazio Marino aveva rimosso dall’Aquila».

Genio puro. (link)

Il buio. Senza siepe.

Il buio oltre la siepe” è il titolo italiano di “To Kill a Mockingbird” (Uccidere un usignolo), un libro di Harper Lee del 1960. Dal libro è tratto il film del 1962, con Gregory Peck.

Leggo che il libro – assieme a “Le avventure di Huckleberry Finn” (Adventures of Huckleberry Finn) – non fa più parte dell’elenco dei libri da leggere nelle classi del 11th grade (tra i 16 ed i 17 anni) nelle scuole del distretto di Duluth, Minnesota. Le autorità locali sostengono di aver ricevuto lamentele perché il libro conterrebbe espressioni e rappresentazioni di discriminazione razziale. (link)

Lo scopo principale de “Il buio oltre la siepe” è la denuncia razziale. Un giorno qualcuno si domanderà come è stato possibile che nessuno se ne fosse accorto, ecco… segnatevelo: eliminare, a quasi 70 anni dalla sua pubblicazione, “Il buio oltre la siepe” dalle letture scolastiche è un segno. Pessimo. Ma non unico, visto che la stessa cosa era accaduta a Biloxi, Missisipi lo scorso ottobre.

cliché

Kottke presenta il video di Oliver KMIA che posto appresso, basato sui più classici cliché di foto di viaggio. È una delle ragioni per cui, pur con un passato da fotografo professionista, ho praticamente smesso di fotografare quando viaggio. Odio i selfie, e preferisco “vedere” i luoghi, memorizzarli, assaporarli, piuttosto che filtrarli attraverso una mia macchina fotografica. Tanto, per i momenti “nostalgia”, la rete è piena di immagini bellissime…

Un paio di settimane fa sono stato a Palermo per 3 giorni. Dopo il primo ho lasciato la macchina fotografica a casa. Questa è la sola immagine che ho voluto riprendere. Ma sono pieno di ricordi, di colori, di volti, di verdure, di chiese, di… Palermo.IMG_6469

Fantascienza (iomeneandrei)

The Right Honourable Lord Bates, membro della camera dei Lord e Ministro britannico per lo sviluppo internazionale, ha presentato le sue dimissioni durante una seduta del Parlamento. Si vergognava per essere arrivato in ritardo a rispondere a delle interpellanze. Giuro. 

“I want to offer my sincere apologies to Baroness Lister for my discourtesy in not being in my place to answer her question on a very important matter at the beginning of questions. During the five years in which it’s been my privilege to answer questions from this dispatch box on behalf of the government, I’ve always believed that we should rise to the highest possible standards of courtesy and respect in responding on behalf of the government to the legitimate questions of the legislature. I’m thoroughly ashamed at not being in my place and therefore I shall be offering my resignation to the prime minister with immediate effect. I do apologise.” link

Voglio scusarmi sinceramente con la baronessa Lister per la mia scortesia di non essere al mio posto per rispondere alla sua domanda su una questione molto importante all’inizio delle interrogazioni. Durante i cinque anni in cui ho avuto il privilegio di rispondere a domande da questo posto per conto del governo, ho sempre creduto che dovessimo raggiungere i più alti standard di cortesia e rispetto nel rispondere a nome del governo alle domande legittime del legislatore. Mi vergogno profondamente per non essere stato al mio posto e quindi offrirò le mie dimissioni al primo ministro, con effetto immediato. Mi scuso.