Indiscutibili

Trovo curiosa la pretesa di un Governo, non eletto nonostante il suo Presidente del Consiglio affermasse che mai sarebbe stato possibile, di considerarsi investito di una sorta di missione divina perché deve – ad esempio – “fare le riforme”, senza minimamente curarsi di “quali” riforme, di cosa dicono quelle riforme…

Altrettanto curiosa la vicenda che vorrebbe dare una sorta di impunità penale a chi commette frode fiscale per un importo sotto il 3% del proprio imponibile. Si dice che è un provvedimento a beneficio di tutti gli italiani e che, il fatto che incidentalmente tra i beneficiati ci sia Berlusconi non può andare a nocumento della popolazione tutta. Inizialmente, confesso, mi era sfuggita la variabile – determinante –  della “frode”. Ovvero non si parla di semplice evasione, cioè di aver omesso di versare una parte (sino al 3%) delle proprie imposte, magari per un errore, o per una svista. No, si tratta di “frode”, di un’azione deliberata, studiata e programmata… a me non piace questa franchigia. Per niente. E se ne fa le spese (anche) Berlusconi non mi interessa.

«Sulla norma del 3% stiamo valutando, verificando, vedremo se cambiarla e come. Il senso è che se fai il furbo e ti becco ti stango, ti faccio pagare il doppio ma diamo corso al processo penale se c’è buona fede. Berlusconi non c’entra niente ma bisogna dividere tra gli evasori e chi fa errori in buona fede». (Matteo Renzi – 2 febbraio 2015)

Appunto, “buona fede” non fa rima con “frode”. Vediamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...