Sono Pantalone, pago io!

La vicenda degli obbligazionisti subordinati delle 4 banche fallite (anche se non si può dire) mi pone dei dubbi: sono certo che tra quelle persone ci siano anche delle persone per le quali la perdita sia tragica e devastante, persone che in buona fede si erano fidate di una struttura ritenuta affidabile e delle persone che quella struttura componevano. E, ammesso che truffa ci sia stata, va in qualche modo dimostrata… facile adesso dire “non lo sapevo”.

Il Governo, sul cui operato non discuto in questa sede, come non discuto dell’operato di CONSOB e Banca d’Italia, ritiene che si tratti di un danno che vada in qualche modo ristorato dalla collettività. Sono perplesso. Assai.

Esempi:

  1. La signora X viene fermata per strada da due persone che iniziano a parlarle con lei. La signora X, un po’ avanti negli anni, è comunque una persona in gamba, sveglia, intelligente, con una carriera scientifica alle spalle ai massimi livelli… dopo pochi minuti la signora accompagna i due sconosciuti in casa propria e consegna loro tutti i beni che ha: denaro, gioielli e piccoli oggetti d’arte. Dopo un paio d’ore realizza cosa è successo ed entra in depressione per come è stata raggirata. Non ha ancora avuto il coraggio di dire neanche ai suoi figli cosa le sia capitato.
  2. La signora Y viene convinta da una persona, spacciatasi per l’idraulico che aveva effettuato una riparazione d’emergenza, a pagare un migliaio di euro in acconto per il lavoro effettuato, per poi farla tornare dopo un paio d’ore per ritirare il saldo di altri mille euro.
  3. Il signor Z, che proprio quel giorno gira – contrariamente al suo solito – con un paio di migliaia di euro in tasca per effettuare dei pagamenti , viene borseggiato e derubato in strada.

X, Y e Z non sono anche loro stati vittime di reati come la truffa, il furto o non so cos’altro? Non avrebbero anche loro diritto al ristoro del danno?

Ah, avete notato? Nella foto del Corriere ci sono in bella vista dei cartelli con su scritto “La casta colpisce ancora – Renzi e Boschi fuori i soldi” e l’hastag “fuckausterity” – non c’è nessuna speculazione politica sulle spalle dei danneggiati, proprio niente…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...