Ti stimo, fratello

«No, i Modà no. Come i Negramaro. Solo a sentire il nome rischio un mancamento. Ho avuto la fortuna di trasformare una passione in un lavoro e la mia filosofia da sempre è indirizzare le persone verso la musica di qualità».

per la serie “nostalgia canaglia”… Il Correre.it celebra i 50 anni di attività di Carù Dischi, grotta di Alì Babà dei grandi dischi quando la musica era nera e piatta ed attraversavo Roma (dalla Salaria a Furio Camillo) per trovare qualcosa di buono. E poi c’era Carù, con le sue liste stampate in piccolo…  e l’attesa. Altro che Amazon Prime.

Annunci

2 thoughts on “Ti stimo, fratello

  1. Io ricordo i viaggi della speranza da Revolver a Via Rosazza (ci sarà ancora?!), al piano strada del palazzo brutalista, per i dischi d’importazione Hard Rock ed Heavy, ma anche perché ci si trovavano gli originali di Columbia, Manticore ed altri di Progressive.
    In Italia ad esempio Emerson, Lake & Palmer erano ristampati da Ricordi nella Serie Orizzonte che aveva due difetti mortali:

    1) gli LP avevano la copertina a busta, indipendentemente dall’originale; ne segue che dischi come Tarkus, Picture, Trilogy che erano invece folded nell’originale, non avevano né testi e né illustrazione interna. E, sopratutto, nella serie Orizzonte le copertine erano stuprate con una cornicetta bianca ed una recchia dietro la quale la cornicetta diventava multicolore (orizzonte = arcobaleno?!) e si vedeva un cielo con le nuvolette brutto brutto brutto

    2) i dischi erano probabilmente ristampati non da un master, ma da un calco dell’originale, quindi suonavano sempre come una radiolina tascabile.

    Il vantaggio era che di Orizzonte ne potevo prendere anche uno al mese, gli originali importati necessitavano anche di quattro/sei mesi per poter mettere via abbastanza lire da poterseli portare via, dopo aver sognato un po’ davanti alle casse con i vinili in piedi.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Dischi_Ricordi_-_Orizzonte

    E quell’odore di inchiostro, cartone e moquette…
    Vabbeh, scusa il pippone… 😉

  2. Pingback: Vecchi orizzonti | eDue

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...