Le solite americanate

Sono in corso negli USA le primarie per la scelta del candidato alla presidenza  per le prossime elezioni novembrine. Mi domando se sarà Orfini, o Fassina, o il Leader Maximo… o addirittura qualcuno del “Giglio Magico” a partire per Washington per dare qualche lezioncina di primarie agli ‘mericani…

Pensate: per scegliere il candidato del partito democratico alle presidenziali USA possono votare solo gli iscritti al partito democratico, per votare un membro del partito democratico, che correrà per il partito democratico, per attuare il programma del partito democratico. E lo stesso per i repubblicani. Ma si può? Niente file di cinesi nei seggi del New Hampshire, niente gazebo…, niente primarie di coalizione… una noia…

Le elezioni di novembre non eleggono direttamente “il Presidente” ma, da ogni stato, eleggono i cosiddetti “elettori presidenziali” i quali, a loro volta, eleggono il Presidente. Ora immaginate voi un eletto per votare… diciamo Obama, che al momento decisivo vota per Romney… un Razzi del Minnesota, od uno Scilipoti dell’Ohio… noi non abbiamo il vincolo di mandato, ma la penale Casaleggio/Grillo. Loro etica e senso di responsabilità. Poveretti.

Annunci

6 thoughts on “Le solite americanate

  1. Non per fare la punta al cazzo, ma noi NON abbiamo il vincolo di mandato, e questa mancanza (anzi, divieto) è scolpita nell’articolo più breve e più bello della nostra Costituzione, ovvero l’articolo 67, che se permetti cito integralmente:

    Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

    Tutto qui, senza commi, senza sub, senza altro.
    Sono i vari giullari che si sono succeduti nel tempo che hanno sempre cercato di sopprimere nei fatti l’articolo 67, a partire da quelli che impongono contratti e penali fuori legge, sottoscritti da mentecatti o ignoranti, per finire con coloro che interpretano quell’articolo non nello spirito dei Costituenti, ovvero evitare che il suffragio universale possa finire piegato agli interessi di qualcuno, ma come fatto che nella vita devi fare collezione di schieramenti e partiti in modo da riempire la tessera e prendere la pentola e magari pure la parannanzi.

    Degno di nota è che in USA (mi scuserai se non li chiamo americani, perché gli americani sono molti di più degli statunitensi) i Democratici sono di fatto un centrodestra (e Sanders sta solo portando una ventata di novità – all’età sua – perché non parla di temi di centro per la prima volta da Washington ad oggi, e per questo ha ben poche speranze di vincere la guerra, pure avendo vinto alla grande una piccola battaglia), e i Repubblicani sono la caricatura politica di Chuck & Nora.
    Etica e senso di responsabilità gli statunitensi proprio no.
    Ed anche il fatto che allo statunitense medio non puoi chiedere di più che scegliere tra due partiti, non è certo un vanto per quella nazione.

    Da noi, per dirla con Scalfaro, che fu un democristiano, ma alla fine persino più a sinistra di Veltroni,

    Se è vero che nei 15 giorni di presenza in tv, guadagnati per “la salvezza della patria”, con Napoleone e Gesù, sono migliorate le adesioni alla CdL, questo è il metro della svalutazione del popolo italiano, e non è certo un vanto.

    Traslala come vuoi sull’asse dei tempi, non è cambiato nulla.

    • Al mio “vincolo di mandato” era sfuggito il fondamentale “non”… il che lascia campo aperto ai tuoi appunti, che rispetto ma condivido solo parzialmente.

      • Intendiamoci, questa è casa tua.
        Sei liberissimo di cancellare i commenti altrui quando e come vuoi.
        E, comunque, sempre grazie per l’ospitalità, della quale cerco comunque di non abusare.

  2. Mi accorgo di aver scritto male un passaggio: i Democratici sono un partito fondamentalmente di centrodestra e Sanders un candidato di centrosinistra (da qui la novità) che ha cercato di evitare tematiche troppo centriste (finora) anche se lo ha fatto in corsa ed in alcuni casi tardivamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...