Un paese di merda. Si, il nostro.

Il mio amico Mork è innamorato di Trastevere, ci ha abitato pr anni e, adesso che vive in Umbria, quando viene a Roma ci passa sempre. Tanto che ha deciso di affittare un appartamento. È rimasto d’accordo con il proprietario (che affittava in nero) nel poter affittare a turisti stranieri nei periodi in cui lui non è a Roma.

La cosa è andata avanti nella piena soddisfazione di tutti: il padrone di casa che incassava mensilmente un canone in nero, il mio amico Mork che aveva un appartamento a Trastevere che non solo non pagava, ma addirittura gli dava un guadagno… ed erano contenti i turisti che avevano, ad un prezzo onestissimo, un appartamentino molto carino, in posizione strategica e con un’assistenza di prima qualità. Nessun servizio, solo alloggio.

Ma Mork non era tranquillo, il Comune minacciava una stretta con gli irregolari, rischi di vedersi contestata una forte evasione fiscale, rischi di ordine pubblico nell’ospitare stranieri non denunciati… insomma decide di fare il grande passo: si mette in regola!

Convince il padrone di casa a passare ad un contratto regolare, presenta la domanda al Comune di Roma, fa fare le certificazioni all’appartamento e si mette con l’animo in pace! Cosa mi può capitare, adesso?

Un giorno degli ospiti inglesi lo chiamano: “C’è la Polizia che ti cerca…” ed in effetti la Polizia Municipale di Roma lo convoca. Lui va, con tutta la documentazione e scopre che… gli viene contestato di aver adibito a camera un ambiente con superficie di 8,5 mq… “Bene” – dice lui – “La superficie minima prevista dalla Legge della regione Lazio è di 8 mq, quindi…”

“Guardi che non si trova nella regione Lazio, si trova nel Comune di Roma! E qui il minimo è di 9 mq!” Dimostrano molta comprensione mentre gli elevano una sanzione (il minimo, eh…) di € 3.330,00. Motk ha mandato tutti affanculo ha lasciato la “casetta de Trastevere”, ed è tornato in Umbria.

La storia mi è tornata in mente leggendo dell’albergo abusivo (35 clienti), con annesso ristorante (abusivo) che è stato sanzionato dalla Municipale di Roma , per gli stessi € 3.300,00 (link)

Annunci

2 thoughts on “Un paese di merda. Si, il nostro.

  1. Qui manca totalmente il buon senso. Io ovviamente sono assolutamente contraria all’evasione fiscale e all’affittare a persone non regolarmente denunciate (se non vado errata questa è una norma antiterrorismo, non antievasione!=, ma qui ti fanno venire voglia di darti alla macchia! Pare che l’unica condizione per sopravvivere sia essere trasparenti, invisibili fino a che è possibile: ah, quanto vorrei vivere in un paese in cui la gente si sentisse orgogliosa di pagare le tasse, sapendo che ogni singolo centesimo andrà a migliorare la propria nazione, e questa gente non dovesse aver temere il fisco come una sciagura ingestibile!

    • La popolazione del resto del mondo vive e progredisce grazie al proprio governo ed alla propria pubblica amministrazione. Noi… nonostante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...