Il buho.(buco, alla toscana)

Da presidente della provincia Renzi aveva dato il suo assenso ai lavori, ma quando nel 2009 venne eletto sindaco di Firenze iniziò a contestare il progetto. Nel 2011 il suo scontro con il governo, allora presieduto da Silvio Berlusconi, e con l’amministratore delegato di Trenitalia, Mauro Moretti, il più forte sostenitore della stazione, arrivò sulle pagine dei giornali. «O le Ferrovie fanno le cose per bene o le Ferrovie a Firenze le cose non le fanno», disse Renzi: «Questa opera pubblica la vuole il Governo: secondo noi potrebbero risparmiarsela». L’allora ministro per le Infrastrutture, Altero Matteoli, rispose a tono: «Quando Renzi viene a Roma alle riunioni al ministero ringrazia per quanto stiamo facendo e quando riprende il treno per Firenze comincia a criticare. La sua è un’orgia logorroica senza precedenti».

La potete pensare come volete (di Renzi), ma la storia della stazione (mancata) di Firenze è piuttosto interessante ed istruttiva: la Pubblica Amministrazione spende 800 milioni di euro per una stazione che non si è costruita (in 20 anni!!),  e che adesso nessuno vuole più. (Il Post)

Spedi (inutilmente, pare) 800 milioni di euro… e pensiamo di ridurre i costi della politica grazie alla riforma costituzionale che porterà un risparmio tra 49 e 80 milioni per la riduzione dei parlamentari, 20 milioni per l’abolizione del CNEL e 320 milioni dalla riduzione del personale derivante dall’abolizione delle province. Poco più di mezzo “buho”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...