Buddisti, cattolici.

È buddista, la chiesa nega il funerale: scoppia la polemica per la 45enne morta di cancro

Comincio con il dispiacere per una povera donna morta ancora giovane.  Una donna che aveva scelto di diventare buddista. Curioso? Forse si, ma era una sua libera  scelta e non vedo alcuna obiezione plausibile.

Solo che, dopo la sua morte i parenti le hanno voluto organizzare un funerale. Non una cerimonia laica, un ricordo familiare… no, in una chiesa cattolica. Al che il parroco ha ricordato loro che la signora era buddista e che lui amministra sacramenti nella fede cattolica.

I parenti non l’hanno presa bene:

Sei un mafioso, assassino seriale, spacciatore, mercenario, hai ucciso parenti, moglie, figli, padre e madre? Nessun problema nel momento dell’estrema unzione, la Chiesa ti accoglierà a braccia aperte. Se sei una persona buona, ma buddista non azzardarti a chiedere alla Chiesa una cerimonia solenne perché ti sarà negata! Non importa se della defunta la celebrazione la chiedono il marito, il figlio, la figlia, suo fratello, sua madre, suo padre… con il cuore in mano e le lacrime…

A parte che non è una “celebrazione” della defunta, l’officiare un funerale… Possibile che nessuno di loro si sia fatto un qualche scrupolo sul perché la defunta si sia fatta buddista, anche se…

ha ricevuto il Battesimo, ha fatto la Comunione e la Cresima, se era membro dell’A.C.R., se ha insegnato Dottrina per anni, se cantava nella scuola Cantorum della sua parrocchia, se sua nonna Paola ha servito la parrocchia per decenni, se i genitori sono cattolici praticanti, così come tutti i suoi parenti, se ha una zia suora missionaria in Brasile da piu di 50 anni e precisamente dal 1965

ma siccome siamo pur empre in Italia…

«Siamo veramente dispiaciuti – spiega Remigio Russo, direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno – per il dolore che provano i familiari della signora Barbara Budai, per la scomparsa della loro congiunta… Tuttavia, la comunità cattolica di Borgo Montenero, la sera stessa del decesso della signora Barbara, in chiesa ha recitato il Santo Rosario, guidato dal parroco, in suffragio della defunta originaria del borgo. Agli stessi parenti è stato spiegato, e da loro accettato,che invece è sempre possibile pregare per un defunto tanto che vi è stato l’accordo per celebrare la Messa di suffragio nell’ottavario della scomparsa; celebrazione effettivamente poi tenuta».

Tutti salmi finiscono In Gloria…

Annunci

Dimmi quando

Se non fosse una cosa tragica ci sarebbe da sorridere. Non si potrebbe che sorridere, con un missto tra tenerezza ed irritazione, degli “incidenti” che (ancora) escono dalle aule di giustizia italiane.

Mered Medhanie Yedhego, sotto processo a Palermo per traffico di esseri umani, ha sempre sostenuto non solo di essere innocente, ma proprio di non essere la persona che il tribunale era convinto lui fosse. La vicenda ebbe un certo rilievo su Il Post che a novembre 2016 dedicò un lungo articolo alla vicenda. Se siete interessati qui c’è la prima puntata deicata alla vicenda de Il Poscast, un tentativo sfortunato de Il Post di aprire spazio ai podcast.

Da Repubblica di stamattina apprendo che (oltre 2 anni dopo l’arresto), e dopo che in molti  –  da subito –  avevano sostenuto la tesi dell’errore di persona – il tribunale di Palermo dice che, si, forse, può essere… ci sia stato un errore di traduzione e che, effettivamente, il detenuto potrebbe essere davvero quello che dice di essere. Oltre 2 anni.

Stamattina in aula, il perito della Corte ha affermato che c’è stato un errore nelle traduzioni. La parola “mesi” in tigrino ha due significati: in alcuni casi è l’avverbio “quando”, in altri è la preposizione “con”.

A luglio 2017 la cosa uscì, con un certo rilievo, su The New Yorker.

In una botticella di ferro

Nel centro storico di Roma girano le cosiddette “botticelle”, delle carrozze trainate da un cavallo, che portano i turisti ad ammirare le bellezze della città eterna.

Risultati immagini per botticelle

I conducenti/proprietari sono stati spesso nell’occhio del ciclone per come “maltrattano” i loro cavalli, e proprio a loro tutela molti anni fa furono costruite nella zona di Villa Borghese delle nuove stalle/ricovero per “risparmiare alle povere bestie il tragitto dal centro città sino ai tradizionali ricoveri di Testaccio.

Risultati immagini per botticelle

Mi sono sempre domandato quale sorta di lobby potente potesse essere quella dei conducenti delle botticelle che, apparentemente senza colpo ferire, otteneva uno spazio e le strutture in una zona straordinaria come Villa Borghese. (link)

A leggere i giornali di oggi la lobby doveva essere davvero forte. Ma non solo quella delle botticelle.

Roma, abusivi i box per le botticelle: sequestro a Villa Borghese  (link)

Le Relazioni Pericolose

No, non si tratta del racconto di de Laclos, ma di quanto si apprende in un breve, ma densissimo, pezzo di Maria Elena Vincenzi su Repubblica sulla vicenda Comune/Stadio/arresti

Per il magistrato sussiste il “pericolo di inquinamento probatorio e recidiva elevato dovuto alle relazioni con organi di vertice della politica e dell’amministrazione” e “il quadro indiziario non appare in nulla ridimesionato, ma semmai aggravato”. E le giustificazioni fornite dall’indagato nel corso del suo interrogatorio fiume “appaiono in taluni casi inverosimili e sempre contraddette dai dati probatori esistenti”.

 

 

 

E non ci sono ancora i dazi…

Da un po’ di tempo più di un sito americano non è più raggiungibile dall’Europa, per colpa dei nuovi regolamenti eurpoei sulla privacy. Si, quel “maledetto” GDPR che da settimane ci rompe i coglioni su ogni sottoscrizione digitale che abbiamo.

403 – Permission Denied

European users are prohibited from visiting xxxx’s website due to GDPR compliance requirements, please see xxxx’s Terms of Use and Privacy Policy for further details.

Copyright © 2005 – 2018 xxxx, Inc. All rights reserved. CalBRE #01517281

Prospettive?

Il nuovo che avanza (che faccio, lascio?)

Il pezzo è qui, su Repubblica. Se capisco bene l’AD e Presidente di AMA (No, dico, AMA…mica Apple) ha licenziato il capo del personale. DInamiche interne all’azienda? In un certo senso, si… il capo del personale si era rifiutato di firmare un contratto di consulenza ad una persona dello staff dell’assesorato all’ambiente. Con la nota che si sarebbe trattato della seconda consulenza consecutiva e che sarebbe stata necessaria una selezione. Uno vale uno. Ma non due…