Uno professionista serio

Diciamolo, uno bravo. La vicenda di Franco Panzironi, ex AD di AMA, dimostra che non si tratta del primo che passa (“ddue de passaggio“, direbbe Mario Brega), ma che ci troviamo difronte ad un serio professionista attento e scrupoloso. Tanto attento da aver stipulato con AdiR (Società assicuratrice di proprietà del Comune di Roma – che Ignazio Marino voleva liquidare) una polizza a copertura di

“responsabilità amministrative e contabili “, adesso secondo Franco Panzironi dovrebbe sollevarlo “da qualsiasi onere e danno di cui dovesse essere eventualmente chiamato a rispondere a titolo personale”. Spese legali comprese.

Fortunatamente…

I legali di AdiR nella loro replica hanno spiegato che, in caso di reato, gli effetti della polizza devono essere considerati nulli.

Vedremo…

venghino siori, vadino…

Ancora una volta a Roma si dimostra che il confine tra dramma e farsa è sottilissimo:

Roma, Raggi: “Ipotesi per Fontana di Trevi, turisti passino senza fermarsi”

Dopo le polemiche per la folla che assiepa il gioiello barocco, la sindaca lancia l’idea del passaggio no-stop (link)

E se le cose non miglioreranno si pensa ad una benda su un occhio.

ascoltavo radio rock

…in machina, e mi ricordo la notizia di quell’episodio alla Sapienza, dai contorni ancora molto confusi, che avremmo imparato a conoscere come “Il Caso Marta Russo”.

Il Post lo ricorda e lo tratta con toni assai duri nei confronti della magistratura e degli inquirenti, ricordando le tante incongruenze e le forzature che segnarono il percorso delle indagini e del processo. Non ho certo io risposte da dare, e 20 anni dopo riesco solo ad avere una impressione meno “vaga” della devastazione che la morte di Marta Russo deve aver avuto sulla sua famiglia e su chi la conosceva.

…nel paese del melodramma, dove la giustizia si amministra in nome non già del popolo italiano ma delle vittime… (Guido Vitiello – Il Foglio)

Eppure, dopo 20 anni, ancora ricordo l’impressione di sdegno che mi suscitò il video dell’interrogatorio della Signora Alletto, lasciata dal magistrato da sola, con il cognato (ispettore), affinchè la convincesse ad avvalorare la tesi dell’accusa:

Mesi dopo sui giornali finirono alcune registrazioni degli interrogatori ad Alletto, dove si intuì che la procura aveva usato metodi intimidatori e sostanzialmente costretto Alletto a fornire loro qualche informazione per non essere accusata lei stessa dell’omicidio.

Posso solo ricordare: ricordare Marta Russo che è stata uccisa, ricordare un processo che sarebbe più comodo dimenticare.

Nobili, vassalli…

…ed i servi della gleba.

«Una decisione abnorme che riporta l’Italia al Medioevo. A fare le spese di tale decisione saranno gli utenti, le cui possibilità di scelta saranno fortemente limitate, e che senza una reale concorrenza subiranno senza dubbio rincari delle tariffe per il trasporto non di linea».

Premessa: non ce l’ho contro  i taxi. Anche se spesso molti di loro fanno di tutto per farmi cambiare idea… (link). Fino alla “scoperta” dell’acqua calda con il servizio delle Iene.

Il tutto prendendo atto che, per il tribunale di Roma il servizio Uber è concorrenza sleale ai taxi (link). Vero. Adesso non ci vorremo mica mettere a pagare le tasse, eh?

UPDATE: Poi, al solito, ci sono i barbari..

Continua a leggere

Roma, Kaput mundi

Minuzie (non sempre) romane:

La frana che minaccia il quartiere Parioli, che da 10 anni è lì, in attesa di… (link)

I vigili (883) improvvisamente malati a capodanno, che la giustizia “riconosce” (assieme ai medici) come “truffatori”… ma non riesce a punire. (link)

Le farmacie comunali che, dopo anni di disastri (qui, nel 2015), pare adesso vedano un utile operativo ed una diminuzione del debito. E dunque si caccia chi le stava amministrando bene. (link)

CNR – Ciechi Negligenti Rincoglioniti

Al CNR sono molto impegnati nella ricerca. Moltissimo. Sono talmente impegnati nella ricerca che ci hanno messo un po’ di tempo per accorgersi che le spese dell’Istituto Ambiente Marino Costiero presentavano qualche anomalia. Da un controllo era infatti emerso che una fattura, intestata al CNR, prevedeva la consegna merce a casa di un funzionario amministrativo. Bisogna capirli, con l’abbondanza di finanziamenti di cui gode la ricrca in Italia, chi volete che si accorga di i milione di euro sparito… (Link)