Incompiuto

Incompiuto, la nascita di uno Stile.

Per oltre dieci anni il collettivo artistico Alterazioni Video ha raccontato il fenomeno delle opere pubbliche incompiute in Italia con fotografia, scultura e video. La loro ricerca mappa questi edifici e ha portato alla definizione di un nuovo stile architettonico: l’Incompiuto, documentando oltre oltre 750 costruzioni incomplete in tutta Italia. Il progetto ha vinto il bando Italian Council 2017, si compone di una pubblicazione, curata insieme a Fosbury Architecture, e di una mostra a cura di Davide Giannella.

A Palermo, sino al 20 settembre. (da Il Post)

Annunci

In una botticella di ferro

Nel centro storico di Roma girano le cosiddette “botticelle”, delle carrozze trainate da un cavallo, che portano i turisti ad ammirare le bellezze della città eterna.

Risultati immagini per botticelle

I conducenti/proprietari sono stati spesso nell’occhio del ciclone per come “maltrattano” i loro cavalli, e proprio a loro tutela molti anni fa furono costruite nella zona di Villa Borghese delle nuove stalle/ricovero per “risparmiare alle povere bestie il tragitto dal centro città sino ai tradizionali ricoveri di Testaccio.

Risultati immagini per botticelle

Mi sono sempre domandato quale sorta di lobby potente potesse essere quella dei conducenti delle botticelle che, apparentemente senza colpo ferire, otteneva uno spazio e le strutture in una zona straordinaria come Villa Borghese. (link)

A leggere i giornali di oggi la lobby doveva essere davvero forte. Ma non solo quella delle botticelle.

Roma, abusivi i box per le botticelle: sequestro a Villa Borghese  (link)

Le Relazioni Pericolose

No, non si tratta del racconto di de Laclos, ma di quanto si apprende in un breve, ma densissimo, pezzo di Maria Elena Vincenzi su Repubblica sulla vicenda Comune/Stadio/arresti

Per il magistrato sussiste il “pericolo di inquinamento probatorio e recidiva elevato dovuto alle relazioni con organi di vertice della politica e dell’amministrazione” e “il quadro indiziario non appare in nulla ridimesionato, ma semmai aggravato”. E le giustificazioni fornite dall’indagato nel corso del suo interrogatorio fiume “appaiono in taluni casi inverosimili e sempre contraddette dai dati probatori esistenti”.

 

 

 

Il nuovo che avanza (che faccio, lascio?)

Il pezzo è qui, su Repubblica. Se capisco bene l’AD e Presidente di AMA (No, dico, AMA…mica Apple) ha licenziato il capo del personale. DInamiche interne all’azienda? In un certo senso, si… il capo del personale si era rifiutato di firmare un contratto di consulenza ad una persona dello staff dell’assesorato all’ambiente. Con la nota che si sarebbe trattato della seconda consulenza consecutiva e che sarebbe stata necessaria una selezione. Uno vale uno. Ma non due…