Chi cazzo vuoi che se ne accorga? Io. (44)

Caro ragazzo che ho incontrato poco fa alla fermata dell’autobus, lo so, tu credi non sia colpa tua, chissà se i tuoi genitori ti hanno mai ripetuto “Studia! Fai i compiti!”… chissà… comunque vedo che non l’hai fatto… ti sei dedicato ad altro… perché, se avessi studiato, avresti saputo che la fermata dove ci siamo incontrati, e di cui parlavi al telefono, ovvero la fermata “P.le M.llo Diaz” non era Marcello Diaz, ma – appunto – Maresciallo Diaz. Vai poi a ricordarti chi fosse ‘sto Diaz… non ha giocato con l’Avellino?

Annunci

Aspettando il 5 marzo, vogliate gradire: “Il Piano Neve”

Mentre rientravo a casa dal supermercato, rapidamente per i pochi mezzi in circolazione (privati e pubblici), alla radio intervistavano l’assessore Pinuccia Montanari, quella dei 7 cessi del post precedente. Non credevo alle mie orecchie…

“Siamo soddisfatti, il piano ha funzionato, non ci sono stati problemi….”

dunque, allora….

  • 10 cm di neve in poche ore, in buona parte durante la notte, e solo in alcune zone. Il calendario dice 26 febbraio.
  • Scuole chiuse.
  • Stamattina 3 delle 7 linee di tram di Roma erano bloccate.
  • Ci sono (teoricamente) circa 2.500 autobus nei deposti ATAC, ma circa la metà di questi non può circolare per mancanza di ricambi e manutenzione. il piano neve, che auspicabilmente dovrebbe aiutare i cittadini messi in difficoltà dalla neve, prevede invece una diminuzione di circa il 50 % dei mezzi circolanti, per mancanza di gomme da neve. Dei circa 600 autobus che dunque avrebbero dovuto circolare, pare ne siano effettivamente usciti 480. Con lo stop completo a numerose linee…. non ritardi, eh… prorio “nulla”, ci vediamo domani…. solo che domani è la stessa cosa: scuole chiuse e “piano neve”.
  • Per tacere delle nuove voragini – non sto esagerando – che si stanno aprendo lungo le strade di ogni ordine e grado… pericolsissime adesso, immagino quando saranno pareggiate da un velo di neve…

Brava Pinucia, tuttapposto! infatti chi la intervistava concordava gongolante…. “Vero! Non ci sono disagi in giro… non c’è traffico…” nessuno a domandarsi come mai….

Marino, dimettiti!

 

La candida Valeria

“Ho già cercato Philip Laroma Jezzi e la sua scelta di grandissimo esempio etico e civile va premiata. Invito i rettori delle università che hanno all’interno questa parte di malattia di costituirsi parte civile perché anche noi lo faremo. Ne va della reputazione e della serietà dell’università italiana” (link)

Le parole di Valeria Fedeli, ministra dell’Università, sono pienamente condivisibili. Da parte di chi non ha la minima idea di cosa sia – oggi – l’università italiana ed il modo in cui essa funziona da molti anni. Sono, per assurdo, la prova che l’accusa di non essere laureata,  fattale al momento della sua nomina, è vera. L’idea che un rettore (la massima espressione della consorteria accademica, eletto dopo interminabili e complicatissime trattative tra la facoltà ed i dipartimenti) possa (credibilmente) ergersi a cavaliere bianco, senza macchia o paura, che combatte quel sistema che lo ha portato alla carica che occupa… è un’immagine tenera, commovente. Molto distante dalla realtà. Ma credo nei miracoli.

Chi cazzo vuoi che se ne accorga? Io. (39)

Lo diceva mamma che sarebbe stato meglio studiare… ma la giornalista del GR RAI1 deve aver pensato di no… così, poi, ogggi è riuscita a “francesizzare” il latino “Nantes“,  trasformandolo nella città francese che sorge lungo la Loira…. così l’associazione “Liberi Nantes” diventa… al minuto 17′ 00″ del GR1 delle 13:00 del 4.6.2017

i tempi sono maturi

e dunque, dalla cultura più “antiscientifica” sul pianeta, non si poteva che dare nuovo lustro a Keplero ed al centralità ed immobilità della terra nel cielo.

«La terra? È piatta e il sole le gira attorno». Dopo settimane di polemiche furibonde, il ministero dell’Istruzione tunisino è stato costretto a intervenire sul caso di una tesi di dottorato dell’università di Sfax che pretendeva di smontare le teorie di Copernico e Galileo in nome del Corano. Il lavoro è stato respinto.

www.jeuneafrique.comwww.worldcrunch.comwww.corriere.it