312B

Al cinema oggi, domani e dopodomani.

Annunci

La Grande Illusione

una notizia in cronaca di Roma riporta alla ribalta la sorte delle sale cinematografiche romane: quelle chiuse (da anni), quelle che chiudono e quelle che si rinnovano.

Nelle vetrine su via Bissolati campeggiano i manifesti giganti di film di prossima uscita, Ammore e malavita e Brutti e cattivi, ma le porte del Fiamma sono serrate e la pausa estiva si è trasformata in una chiusura definitiva. Troppo alto il canone d’affitto, non sufficientemente remunerativa la gestione: Circuito Cinema ha deciso di abbandonare.

Una sala cinematografica nel tessuto urbano – in meri termini reddituali – non ha scampo in confronto ad altre attività commerciali o di ristorazione; non sono opinioni, sono numeri. Ed è lotta miope (ed inutile) il disperato tentativo di “salvare” sale chiuse – come dimostra la storia del Metropolitan, che l’intellighenzia non vuole “svenduto” al commercio (anche se nel 1909 era nato come grande magazzino) e che – dunque –  è chiuso dal 2010.

Ottimo l’approccio di Andrea Occhipinti, che nel cinema è imprenditore capace, che coglie uno degli aspetti della crisi delle sale “urbane”:

«Il modo più concreto per combattere la crisi è investire sulle sale, renderle sempre più confortevoli e tecnologicamente avanzate. Il nostro gruppo ha puntato su un preciso modello di esercizio: la sala di città capace di garantire un’ampia varietà di offerta. L’esperimento fatto con il Giulio Cesare, diventato una multisala a 7 schermi dai 4 iniziali, ha fornito buoni risultati: gli spettatori nell’ultimo anno sono raddoppiati. Puntiamo molto sui servizi complementari: dalla ristorazione ai parcheggi che trasformano le sale in centri di incontro e di aggregazione. È significativo che quelle sale che sono riuscite a fare questo, nonostante i numeri complessivi del mercato siano negativi, sono in crescita»

Ciak, azione!

Il pesce di Babele (oggi)

«Il Babelfish è piccolo, giallo, ricorda una sanguisuga ed è forse la cosa più strana dell’universo. Si ciba dell’energia delle onde cerebrali, assorbendo frequenze inconsce ed espellendo una matrice di frequenze consce verso i centri cerebrali del linguaggio. La conseguenza pratica è che se ve ne ficcate uno nell’orecchio, comprenderete istantaneamente qualunque cosa, in qualunque lingua.»
(Douglas AdamsGuida galattica per gli autostoppisti)

Ce lo porta Google, e non puzza dopo tre giorni. link

C’at vègna un cancher

Multa di 410mila dollari per la blogger con un (finto) cancro al cervello guarito con dieta e vita sana

La blogger salutista Belle Gibson è stata condannata dallo stato di Victoria in Australia a pagare una multa di 410mila dollari per aver ingannato i consumatori anche sulla destinazione dei proventi della vendita del suo libro, mai devoluti in beneficenza (link)

E ci aggiungerei pure un vaffanculo.

Bocciato il bilancio consolidato

…del Comune di Roma. Seccante, nevvero?

L’organismo di revisione economica e finanziaria ha bocciato il bilancio consolidato della giunta pentastellata. L’Oref non ritiene che “le risultanze esposte nel bilancio rappresentino in modo veritiero e corretto la reale consistenza economica, patrimoniale e finanziaria del gruppo amministrazione pubblica di Roma Capitale ed esprime parere non favorevole all’approvazione del bilancio consolidato dell’esercizio 2016”. I revisori invitano l’ente ad “adottare i provvedimenti di competenza potenziando le strutture preposte al controllo e alla verifica dei rapporti con le società partecipate”.

Articolata la replica della maggioranza:

“Un parere non richiesto, visto che la normativa prevede che sul consolidato i revisori rilascino solo una relazione. Ancora una volta l’organo di revisione utilizza la valutazione di un documento contabile del Comune per ritagliarsi uno scampolo di protagonismo che esula dal suo ruolo istituzionale. Ma se i revisori vogliono fare politica devono candidarsi e ottenere il consenso dei cittadini. Altrimenti devono attenersi alla loro funzione e lasciare ai portavoce dei romani, legittimamente eletti, il compito di compiere le scelte per il futuro della Capitale”.

Altrettanto interessante questa vioce dell’opposizione:

«L’Oref è un organo indipendente, che noi dovremmo ascoltare molto attentamente quando ogni volta che ci invia relazioni sui bilanci e formula queste eccezioni e riserve che ci dovrebbero indurre a fare qualche passo indietro e a modificare il tiro».

Come? Eh, si, vero… ve ne siete accorti! Sono parole dell’opposizione, ma dell’opposizione a Ignazio Marino, pronunciate da Virginia Raggi il 21 giugno 2015. Entrino i clown! (Marino dimettiti!)

Joseph Heller lavora a SKY

Joespèh Heller, l’immortale autore di “Comma 22”

Se sei pazzo puoi chedere di essere esentato dalle missiomni di guerra. Ma se chiedi di essere esentato dalle missioni di guerra non sei pazzo.

deve essere finito a lavorare a SKY Go, sezione download:

Il contenuto scaricato non è più disponibile. Scaricalo di nuovo.

mannaggia, vabbè… riscarico…

Attenzione. Contenuto non disponibile, hai raggiunto il numero massimo di download disponibili per questo articolo.

tenendo presente che il numero complessivo dei download effettuati era di circa 1 (uno), mi domando cosa devo fare. Si, lo so, colpa mia…

Abbassa la tua radio per favore

Leggo di una curiosa vicenda che riguarda Apple ed i suoi iPhone:

Apple dovrà rispondere agli appelli della National Association of Broadcasters e anche della FCC che, illustrando gli enormi vantaggi delle trasmissioni radio FM in caso di calamità naturali, spingono Cupertino ad attivare finalmente il chip radio FM presente in ogni iPhone, così come in qualsiasi smartphone dotato di connettività cellulare e Wi-Fi. (link)

Io non so se questo chip ci sia davvero o no. Da un punto di vista dell’ingegnerizzazione del prodotto non capisco perché progettare l’inserimento di un chip, acquistarlo e poi montarlo in un iPhone (che non brilla per abbondanza di spazio vuoto disponibile), per poi lasciarlo disabilitato.

Anzi, se così fosse, sarei molto incazzato perchè spesso uso uno smartphone Android proprio perché mi consente di ascoltare la radio in mobilità. Ed anche perchè mi offre una doppia SIM. Ed anche perché è buono, affidabile e sono riucito a pagarlo 80% meno di un iPhone7… ed anche….

Apple dice che… il chip non c’è prorpio…