Arriva Caronte

Attese temperature oltre i 40° –  A Base Concordia leggermente inferiori.

Annunci

Giù al Sud

Un paio di giorni fa sono partiti da Calgary (Canada) due Twin Otter della compagnia Kenn Borek Air, diretti al Polo Sud. Si tratta di una missione di soccorso per recuperare un membro della stazione permanente Amundsen-Scott. Gli aerei impiegheranno oltre 6 giorni per arrvare verso la destinazione; uno si fermerà in una base britannica, mentre l’altro tenterà di atterrare e poi decollare dalla base americana. Quello che rende straordinaria (e pericolosa) la missione è che al Polo Sud c’è notte perenne sino al prossimo ottobre e le temperature, sul plateau ad oltre 2.800 m. di altitudine, arrivano intorno ai -80°.

Qualche anno fa una dottoressa francese, della Base Concordia, si autodiagnosticò un tumore e l’unico aiuto che potè ricevere furono dei medicinali paracadutati vicino al campo.

Due piloti della compagnia sono ancora dentro i rottami dell’aereo in cui si sono schiantati contro una montagna, durante un whiteout (condizione meteo di visibilità nulla, senza orizzonte) nel 2013.

Qui il link al tracking del volo. Qui una cosa sulla vita nelle missioni “al buio”.

Lontano (adieu)

Sui giornali è passata la tragica fine di Luigi Michaud, del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina,  morto nel corso di un’immersione davanti alla base italiana al Polo Sud. (link)

Qui abbiamo un certo legame con il Polo Sud, come tutti quelli che hanno fatto una missione laggiù hanno un particolare legame tra di loro, nel condividere un’esperienza straodinaria ed unica. Potrete ben immaginare come questa notizia abbia scatenato una serie di contatti e telefonate per avere maggiori nformazioni. Michaud era alla sesta missione e – suppongo – doveva essere una persona esperta, lavoratrice (al Polo ci si riposa molto poco) ed in buona salute (i test e gli esami clinici sono accuratissimi ed approfonditi). Le notizie dalla base Zucchelli dicono che si è trattato di un malore in acqua, a poca distanza dalla base con tutti i sistemi di sicurezza e tutto il personale di appoggio (medico incluso) presenti. Pare una tragica fatalità.

Scrivo queste righe per segnalare due cose:

  • La nostra azionista di riferimento non è nella missione di quest’anno perché le sue ricerche si fanno nelle “valli secche” dell’interno, raggiungibili solo in elicottero. Quest’anno non c’erano soldi per gli elicotteri. Forse si parte a novembre 2014.
  • Ricordiamo questo morto, un pensiero alla sua famiglia, notando una cosa non apparsa sui giornali: Michaud (39 anni, sposato e con 2 figli) era del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina, ma era un precario. A 39 anni, alla sesta missione antartica, campava con un assegno di ricerca.

globo

100 anni

Da quester parti abbiamo un occhio di particolare riguardo per l’Antartide e la storia dell’esplorazione del Polo Sud. Lo consideriamo quasi come una “seconda casa” in cui la nostra azionista di riferimento ogni tanto va a trovare un po’ di pace e tranquillità.

Non potevamo far passare sotto silenzio il centenario della conquista del Polo da parte della spedizione di Roald Amundsen. Anche se la nostra simpatia umana va alla tragedia di Robert Scott e dei suoi uomini.

La Sciura, che ha visto i resti delle baracche usate dalle spedizioni, e le loro attrezzature, non si capacita di quanto coraggio e follia visionaria ci potesse essere in quegli uomini.

Che caldo…

… devono aver pensato alla Base Concordia . L’anno scorso la temperatura esterna era scesa a -84°, quest’anno siamo solo a -60° !

I racconti che arrivano dalla Base sono affascinanti, ed in qualche caso inquietanti.

A luglio si è intravisto il primo bagliore lontano della luce del sole che era tramontato 6 mesi prima…

Continua a leggere