Presidente, si strucchi!

Non è giusto, nessuno vuol davvero bene a Silvio Berlusconi. Non i suoi cari, non i collaboratori che lo accompagnano ovunque, non il suo Popolo della – già – Libertà. In caso contrario, tutti costoro gli avrebbero detto da tempo: “Presidente, si strucchi, lei così, con tutto quel fard, è davvero inguardabile, se non proprio osceno”.

Fulvio Abbate, in stato di grazia, scrive di Berlusconi…

Annunci

Unfit

Respinto dalla Cassazione il ricorso di Berlusconi contro The Economist per l’articolo del 2001 nel quale si dava un giudizio negativo sulla sua idoneità a rivestire il ruolo di primo ministro. (link)

o-berlusconi-economist-570Un paese in cui occorrono (più o meno) 16 anni per stabilre una cosa del genere è un paese “unfit” a potersi chiamare “civile”. E non perché si trattava di Berlusconi, chiunque debba attendere 16 anni per un qualsiasi pronunciamento della magistratura, prova che la giustizia è allo sbando.

Mia madre, 88 anni, a maggio dovrebbe sarà in un aula di tribunale per una causa iniziata 3 anni prima della sua nascita.

Il senso della misura

Premesse: sono a favore della ricchezza e persino della volgare opulenza (purché di provenienza onesta e legale). Sono perplesso difronte ai cosiddetti assegni di mantenimento che vengono riconosciuti in sede di separazione legale… so perfettamente che molto spesso la donna è “veramente” (per cultura sociale, per caso o per scelta di coppia) soggetto debole, e che tale debolezza è spesso aggravata dall’affidamento dei figli.

Svolgimento: Aveva fatto notizia la concessione alla signora Veronica Lario, separata da Berlusconi, di un “assegno” di 3 milioni di euro mensili. Commenti a metà tra lo scandalizzato ed il sarcastico avevano accompagnato la notizia. Sono curioso di vedere le reazioni alla notizia che una sentenza d’appello ha accolto le tesi di Berlusconi che descriveva tale importo come esagerato e fuori da ogni possibile logica. L’importo è stato peasntemente tagliato ed è adesso pari a 2 milioni di euro. Ripeto: 2 milioni di euro al mese sono congrui a mantenere il tenore di vita precedente la separazione e (forse) il mantenimento dei figli.