Poi uno si domanda perché se ne vanno…

Stangata dell’Agenzia delle Entrate ai “cervelli di ritorno”. Tredici scienziati italiani, rientrati dall’estero, ricevono cartelle esattoriali da migliaia di euro.

da Repubblica

Money, it’s a gas

Arriva al Senato USA la riforma fiscale di Trump. Qui un riassunto.

La prima cosa sono le nuove aliquote personali…

oggi sono: 10%, 15%, 25%, 28%, 33%, 35% e 39.6% – le nuove saranno:

  • 10% (redditi fino a $9.525 per persona; fino a  $19.050 per le coppie sposate che presentano la dichiarazione congiunta)
  • 12% (da $9.525 a $38.700; da $19.050 a $77.400 per le dichirazioni congiunte)
  • 22% (da $38.700 a $82.500; da $77.400 a $165.000 per le dichirazioni congiunte)
  • 24% (da $82.500 a $157.500; da $165.000 a $315.000 per le dichirazioni congiunte)
  • 32% (da $157.500 a $200.000; da $315.000 a $400.000 per le dichirazioni congiunte)
  • 35% (da $200.000 a $500.000; da $400.000 a $600.000 per le dichirazioni congiunte)
  • 37% (sopra $500.000; sopra $600.000 per le dichirazioni congiunte)

Scaglioni di reddito 2017

  • 23% del reddito fino a 15.000 euro
  • da 15.001 fino a 28.000 euro 27% 3.450,00 + 27% sul reddito che supera i 15.000,00 euro
  • da 28.001 fino a 55.000 euro 38% 6.960,00 + 38% sul reddito che supera i 28.000,00 euro
  • da 55.001 fino a 75.000 euro 41% 17.220,00 + 41% sul reddito che supera i 55.000,00 euro
  • oltre 75.000 euro 43% 25.420,00 + 43% sul reddito che supera i 75.000,00 euro

ovvero:

  • per un reddito di 25.000 si pagano 3.000 in USA e 6.150 in Italia
  • per un reddito di 50.000 si pagano 11.000 in USA e 15.320 in Italia
  • per un reddito di 100.000 si pagano 24.000 in USA e 36.170 in Italia

A spanne, oltre a considerare una “qualità” dei servizi pubblici migliori per gli USA, va però ricordata l’assistenza sanitaria “universale” in Italia, orgoglio dello stato sociale e pozzo nero delle italiche tasse… (0,844 euro per ogni dollaro)

Chi cazzo vuoi che se ne accorga? Io. (41) No, tutti.

Questo è il contenuto della pagina dei “Tributi” di un comune italiano (neanche troppo piccolo), ieri 3 dicembre 2017. Azzardo una stima che qualcosa del genere accada in almeno il 50% dei comuni…

Screenshot 2017-12-03 12.58.32.png

Davvero intollerabile che si costringa il cittadino a dover calcolare da solo le tasse dovute attraverso documenti astrusi, basandosi su dati comunicati dalla Pubblica Amministrazione.

Un racconto horror

Una piccola “rassegna” dedicata (anche) a chi pensa che gli stipendi dei parlamentari rappresentino il problema dei costi della politica…

Il capo di «Riscossione Sicilia», in una recente audizione parlamentare, ha rivelato che nel 2015 avrebbe dovuto incassare 5 miliardi e 700 milioni, euro che, al momento della verità, si sono ridotti a 480 milioni. Pari all’8% del dovuto.

Idra (Super, 28 teste!)

La storia delle presunte evasioni (sul termine “elusione” sarei meno cauto) di Apple (e Facebook, e tutti gli altri) presenta un tratto comune su cui non ci si sofferma abbastanza ed è, al solito, la pretesa di “essere” Europa, senza “farla”, l’Europa.

Come si possa pretendere di essere considerati un’entità “unica”, con sistemi fiscali, amministrativi, militari e di intelligence separati per ogni nazione… mi sfugge. (link)

Vincè, fammi capire…

Vincenzo Visco, già Ministro delle Finanze e Ministro del Tesoro, parla a Repubblica delle sue idee e fa le pulci agli annunci di Matteo Renzi:

Professor Visco, perché è inaccettabile abolire la tassa sulla prima casa?
“Perché le prime case non sono tutte uguali. La mia casa a Roma vale circa un milione, la villa di Arcore ne varrà dieci e un appartamento in periferia vale 100 o 200 mila euro. Un fisco che tratta questi patrimoni nello stesso modo è un fisco profondamente ingiusto”.

Continua a leggere

casa dolce casa

Il Corriere Economia riporta uno studio della CGIA di Mestre che ha analizzato il mercato immobiliare e la tassazione degli immobili negli ultimi 5 anni. Il risultato di cotanto studio ve lo devo dire, non ci arrivate da soli? No?

  • Valore immobili -14,2%
  • Tassazione +31,2%

Ma io sono il solito becero qualunquista speculatore.

(qualche precedente qui, e qui)

Già fatto

Le notizie di oggi raccontano (la RepubblicaIl Messaggero) dello stop che il governo è stato costretto ad imporre alla riforma del catasto, al fine di cercare di ottenere quella invarianza di gettito che dovrebbe essere il presupposto della riforma. Le simulazioni effettuate raccontano di aumenti di valori sino al 600%.

Continua a leggere